Come funziona il Mutuo Liquidità

Il mutuo per liquidità è una tipologia di prestito garantito dal proprio immobile che permette di ottenere importi elevati per soddisfare le esigenze più diverse, realizzare un progetto o semplicemente finanziare un acquisto.

Si tratta di un finanziamento senza vincoli e non è necessaria alcuna dichiarazione sulla modalità di impiego e finalità specifica. Pur non essendo necessaria alcuna giustificazione da parte del richiedente, banche e istituti di credito non sono favorevoli a concedere mutui di questo tipo in caso di speculazioni finanziarie o per estinguere debiti in sofferenza. In tal caso, infatti, la banca si accollerebbe il rischio dell’eventuale insolvenza del debitore.

Prerequisito necessario per chiedere un mutuo cash è il possesso di una prima casa. Inoltre, l’immobile deve essere libero da ipoteca; il mancato pagamento delle rate, infatti, potrebbe indurre la banca a procedere con il pignoramento dell’immobile. Questa particolare forma di mutuo è consigliata generalmente quando si ha bisogno di una somma di denaro superiore ai 30.000 €. Viene fissato, inoltre, un limite d’età per il richiedente, calcolato in modo che il cliente non abbia più di 75 anni al termine del piano di rimborso. Per quanto riguarda la durata massima del mutuo, questa può arrivare fino a 40 anni, a differenza del prestito concesso fino a 10 anni.

Valida alternativa a un fido bancario, il mutuo liquidità è molto meno oneroso, sebbene il tasso d’interesse che viene applicato sia solitamente più alto rispetto ad un tradizionale mutuo acquisto casa, ma comunque inferiore rispetto ad un prestito personale. Può essere considerato, quindi, un prodotto ibrido, che si colloca a metà tra un prestito personale e un mutuo ipotecario. La definizione dell’importo del mutuo è legata ad alcuni fattori come il valore di mercato dell’abitazione offerta come garanzia, la situazione creditizia e il reddito del mutuatario. Chi chiede un mutuo liquidità deve avere una situazione patrimoniale e creditizia stabile. La banca valuta la sua capacità di rimborso, l’affidabilità e la puntualità dei pagamenti.

Per stipulare un mutuo liquidità vanno sostenute le tradizionali spese previste per un mutuo: perizia, istruttoria, atto notarile e assicurazione. L’ammontare delle spese accessorie può, in alcuni casi, superare il risparmio ricavato in termini di interessi. Ecco perché è necessario valutare attentamente tutti i vantaggi e gli svantaggi del mutuo liquidità e analizzare le diverse offerte disponibili sul mercato. Sui diversi siti di comparazione puoi confrontare le offerte di mutuo liquidità delle migliori banche in pochi minuti e richiedere una verifica di fattibilità, gratuita e senza impegno, della soluzione più adatta alle tue necessità. Un consulente ti contatterà entro 24h dalla richiesta per comunicarti l’esito e ti assisterà in tutte le fasi del processo, dalla scelta alla stipula del finanziamento più adatto alle tue esigenze.

L’importo richiedibile, che solitamente prevede un minimo di 50.000 euro, varia in base alla posizione lavorativa del richiedente:

  • Un dipendente, può richiedere fino al 70% del valore dell’immobile.
  • Un libero professionista, può richiedere al massimo il 50% del valore dell’immobile.