Come funziona il Prestito personale

I prestiti personali on line sono la forma di finanziamento non finalizzato più diffusa, utilizzabile per svariate esigenze di finalità e spese.

È possibile richiedere un prestito per la casa, un finanziamento per la moto, un piccolo prestito per l’auto nuova oppure per la ristrutturazione di un immobile.

Chi può richiedere un prestito personale?

Il principale requisito, oltre alla residenza in Italia, è un’età compresa tra i 18 e i 70 anni. Il prestito viene concesso, inoltre, a fronte di una valutazione della situazione economica e della storicità creditizia del richiedente. Inoltre, viene valutata la capacità di rimborso del soggetto, che tiene conto di tutti gli impegni di pagamento mensili previsti.

Come scegliere un prestito personale?

Prima di sottoscrivere la richiesta di prestito personale è bene effettuare il confronto delle varie offerte proposte dalle banche ed individuare attentamente quella più conveniente in base alle proprie esigenze. Oltre a scegliere importo e durata, è fondamentale privilegiare le proposte di prestito anche in base alla propria professione: esistono infatti offerte differenziate per dipendenti pubblici, dipendenti statali e ovviamente dipendenti privati, ma anche prestiti per militari, pensionati INPS o INPDAP, liberi professionisti e lavoratori autonomi.

Il prestito personale è un finanziamento senza obbligo di destinazione, ossia non legato all’acquisto di beni e servizi. È la soluzione migliore per ottenere liquidità, senza doverne giustificare l’utilizzo, anche se alcune banche si riservano di richiedere un giustificativo delle spese.

Quanto costa un prestito personale?

Prima di richiedere un prestito, oltre alla rata mensile occorre considerare le altre voci di spesa quale i tassi legati ai prestiti personali come TAN e TAEG, oneri accessori e costi iniziali (se previsti). Tra le spese accessorie, ovvero i costi legati alla gestione del prestito, sono incluse le spese di istruttoria, quelle di incasso e gestione della rata, quelle di notifica e chiusura della pratica, l’imposta di bollo e il costo di un’eventuale assicurazione.

Che cos’è l’estinzione anticipata del prestito?

Secondo la normativa del credito ai consumatori, durante il rimborso il richiedente ha il diritto di estinzione anticipata del prestito personale rispetto alla data concordata: in tal caso occorre restituire all’istituto di credito il debito residuo dovuto, interessi ed oneri maturati e, se previsto dal contratto, anche il pagamento di una penale.