Evasione fiscale: la classifica dei paesi dell’Unione Europea

L’evasione fiscale identifica un comportamento illegittimo da parte del contribuente, il quale mira a ridurre o ad eliminare il prelievo tributario, violando le normative in vigore. Per contrastare tale fenomeno, il legislatore ha previsto specifiche fattispecie sanzionatorie, tributarie, amministrative e penali, nonché ha predisposto una efficace disciplina dei controlli amministrativi.

Al pari dell’elusione fiscale, l’evasione porta ad una riduzione del carico fiscale, ma si differenzia sul piano delle modalità di attuazione, in quanto la riduzione del prelievo si ottiene mediante una diretta e immeditata violazione di norme tributarie.

L’evasione fiscale continua a essere un grosso problema per tutti i paesi sviluppati e non e difficilmente si riuscirà mai ad eliminarla. Vediamo adesso la situazione nell’Unione Europea, quali sono i paesi dove si evade di più, e quali sono i paesi in cui si evade di meno.

La classifica sull’evasione fiscale nell’Unione Europea nel 2019

Nell’Unione Europea l’evasione fiscale costa quasi 825 miliardi di euro all’anno, invece al giorno sono mediamente quasi 2,26 miliardi. Sono solo 9 i paesi che risultano sopra la media europea, invece gli altri 19 risultano essere sotto la media.

Secondo la classifica dei paesi sull’evasione fiscale, risulta che il primo posto è occupato dall’Italia con quasi 3.156 euro per ciascun abitante, seguita dalla Danimarca con quasi 3.027 euro. Al terzo posto si trova Belgio con 2.676 euro, seguito da Lussemburgo e da Malta.

Francia occupa l’ottavo posto con 1.739 euro, la Germania il decimo posto con 1.529 euro, invece il Regno Unito occupa il quattordicesimo posto della classifica con 1.312 euro.

I paesi nei quali si evade di meno risultano essere i paesi dell’est Europa. In Romania l’evasione fiscale per ciascun abitante è di 824 euro, invece in Bulgaria è di 544 euro.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi