Quando conviene il rimborso anticipato del mutuo

Il mutuo è un contratto molto lungo. Per un italiano in media si tratta di 25 anni. Quindi abbraccia varie fasi della nostra vita. Dal momento in cui magari siamo da poco entrati nel mercato del lavoro fino alla nostra piena maturazione professionale. Può capitare di frequente quindi che la nostra capacità reddituale migliori nel corso del tempo e che quindi quello che prima ci sembrava un grande debito si rivela via via più gestibile. Oppure può capitare che riceviamo improvvisamente una liquidità importante (per eredità o magari, anche se questo caso è molto raro, per una vincita alla lotteria)…. CONTINUA A LEGGERE

Come comprare un immobile alle Aste immobiliari giudiziarie

Se il costo della casa che ti piacerebbe acquistare è un troppo elevato rispetto al tuo budget o se sei alla ricerca di un affare immobiliare per investire i tuoi risparmi, partecipare ad un’asta immobiliare giudiziaria potrebbe essere un’ottima idea. Un tempo acquistare casa all’asta era un’opportunità riservata solo a chi era esperto di procedure giudiziarie; oggi invece, grazie a internet e alle modifiche che hanno reso più trasparenti e veloci le procedure, le aste immobiliari sono alla portata di tutti. Con un’asta immobiliare giudiziaria, il privato che avanza la migliore offerta di acquisto si aggiudica la proprietà di un… CONTINUA A LEGGERE

Tutto quelli che devi sapere sull’estinzione anticipata del mutuo

Quando si accende un mutuo prima casa in banca per ottenere la liquidità necessaria all’acquisto, ristrutturazione o costruzione di una proprietà abitativa, la banca stabilisce una data entro la quale il mutuatario dovrà estinguere il finanziamento. Entro tale scadenza, l’intestatario del mutuo dovrà quindi restituire la quota capitale (e la quota di interessi) che ha ricevuto in prestito dall’istituto creditizio. I tempi di restituzione del debito possono arrivare ad avere una durata piuttosto lunga, anche di 30 anni. A volte capita però che durante questi anni il mutuatario riesca ad ottenere una liquidità sufficiente per estinguere anticipatamente il finanziamento. In… CONTINUA A LEGGERE

La migliore guida sul Mutuo a Tasso variabile

I mutui a tasso variabile sono sempre più in voga tra gli italiani. Come si capisce dalla definizione, in questa tipologia di contratti il tasso può cambiare e di conseguenza può cambiare anche la rata da pagare.Per questo motivo molti mutuatari preferiscono il mutuo a tasso fisso che offre invece la stabilità e la sicurezza di una rata fissa. A dispetto di questo pregiudizio di fondo a vantaggio del tasso fisso, va detto che negli ultimi 30 anni il tasso variabile è sempre risultato inferiore nel confronto con il tasso fisso. Vale a dire: chi ha scelto il tasso variabile… CONTINUA A LEGGERE

La migliore guida sul Mutuo a Tasso BCE

Quando si parla di mutuo a tasso variabile viene (più o meno a tutti) in mente l’indice Euribor. Come abbiamo visto l’Euribor è un tasso interbancario – esprime cioè quanto costa alle banche prestarsi il denaro fra loro – a breve termine (da una settimana ad un anno). L’Euribor a 1 mese e a 3 mesi sono gli indici più utilizzati dalle banche per indicizzare il calcolo delle rate di un mutuo a tasso variabile. L’Euribor viene quindi sommato allo spread per calcolare il Tan (Tasso annuo nominale) del mutuo. Se l’Euribor è negativo dovrebbe essere sottratto allo spread ed… CONTINUA A LEGGERE